Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Share

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Il Problema

 

Cominciamo con una definizione formale tratta dal sito della Treccani (per approfondire vai al sito http://www.treccani.it/vocabolario/problema/):

problèma s. m. [dal lat. problema -ătis «questione proposta», gr. πρόβλημα -ατος, der. di προβάλλω «mettere avanti, proporre»] (pl. -i). – 1. Ogni quesito di cui si richieda ad altri o a sé stessi la soluzione, partendo di solito da elementi noti. In partic.: a. In matematica, quesito che richiede la determinazione o la costruzione di uno o più enti (numeri, funzioni, figure geometriche, insiemi, ecc.) che soddisfino alle condizioni specificate nell’enunciato del problema: i dati, i termini di un p.; formulare, proporre un p.; impostare, risolvere un p.; lo svolgimento, o la risoluzione, di un p.; la risposta a un p.; p. di facile o di difficile soluzione.

Un problema è, quindi, nella sua forma più semplice, una domanda a cui dobbiamo dare una risposta.


Scarica pdf della prima presentazione elettronica di questa prima lezione:


Dare risposte (trovare soluzioni) non è semplice ma la mente umana è una struttura altamente efficiente ed ha una tale capacità di risolvere questioni molto complicate che i cervelli elettronici (anzi tutta la struttura hardware e software dei computer) sono stati costruiti cercando quando più possibile di imitarne le capacità.

E' opportuno precisare che chi risolve il problema (il RISOLUTORE) spesso è anche l'ESECUTORE della relativa soluzione (come nel caso degli uomini).

Da ora in poi noi considereremo che il RISOLUTORE sia un umano e che l'ESECUTORE sia sempre un computer (o un tablet o una lavatrice o un robot o un auto...).

Uno schema che possiamo applicare per risolvere problemi prevede 4 fasi:

  1. Problem finding (o posing) - Individuazione del problema - (approfondisci su wikipedia il Problem_finding)
  2. Problem Shaping - Modellazione del problema - (approfondisci su wikipedia il  Problem_shaping)
  3. Problem Solving - Risoluzione del problema - (approfondisci su wikipedia il Problem_solving)
  4. ALGORITMO - Descrizione della soluzione - (approfondisci su wikipedia l'Algoritmo)

La prima e la seconda fase ci permettono di individuare il problema e attraverso il pensiero critico di modellare e comprendere tutte le varie sfaccettature dello stesso abbozzando un primo modello di soluzione.

La terza fase è quella che permette di definire le strategie risolutive basate, ovviamente, sul modello abbozzato in precedenza. Qui identifichiamo con chiarezza quali siano i dati (e il tipo) e le informazioni di cui si necessita e, nel caso, quali formule applicare. Allo scopo è possibile utilizzare una tabella descrittiva dei tipi di dati e della loro funzione.

Questa è anche la fase in cui si predispongono i meccanismi di test per la verifica degli errori e le eventuali modifiche da effettuare alla strategia scelta.

L'ultima fase... che coincide con la prima del Coding... La descrizione della strategia adottata attraverso lo stumento dell'ALGORITMO rappresentato con DIAGRAMMI DI FLUSSO e con PSEUDOCODICE.

Questa fase è l'argomento del successivo articolo/lezione Dal Problema alla APP - Lezione 2 - Gli Algoritmi - Parte prima

 Ma prima di proseguire rispondi alle domande successive... (un piccolo test)

1) Cos'è un problema?




Perfavore, rispondi alle seguenti domande.

2) Quante sono le fasi metodologiche per risolvere un problema?




Perfavore, rispondi alle seguenti domande.

3) Il problem solving...




Perfavore, rispondi alle seguenti domande.

Risultati del Test

Click per valutare il tuo test. I risultati saranno visibili qui sotto.