Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Dal 10 al 12 agosto presso la sala consiliare di Pisticci Centro sarà allestita una mostra storico-fotografica sul Brigantaggio Lucano dell’800.

LOCANDINA briganti 2015

Il Progetto realizzato dalla SETAC in Europa di Pisticci che ne ha curato l’allestimento grafico, progettuale ed economico anche con il contributo dall’APT di Basilicata e della Regione Basilicata e con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Pisticci .

La mostra è articolata in  23 pannelli del formato 70 x 100 cm.

Presenta oltre 200 fotografie riferite a scene brigantesche, a gruppi di briganti, a singoli personaggi nonché alcuni bande, mandati, circolari e decreti relativi al fenomeno del brigantaggio, che ha causato lutti, incendi, devastazioni, spopolamento, arricchimenti e povertà, illusioni e delusioni.

E’ un periodo che va conosciuto e approfondito e di cui non bisogna vergognarsi, poiché la vicenda umana è fatta di luci e di ombre, di ombre e di luci.

Il fenomeno brigantesco, ancora oggi, è al centro di un vivace dibattito culturale, per questo va ancora riletto ed approfondito nei suoi aspetti sociali, culturali, storici ed economici.

In evidenza le bibliografie ed i ritratti dei più celebri capi massa che, nel bene e nel male, hanno fatto parlare di sé, compiendo imprese o misfatti, in relazione ai punti di vista, tra cui Crocco, Cavalcante, Ninco Nanco, Coppolone, Cappuccino.

Spazio anche al ruolo svolto dalle brigantesse, autentiche eroine di un tempo non molto lontano e che pure hanno contribuito alla diffusione del fenomeno alimentando fantasie ed interesse.

L’evento costituisce il primo tentativo di una rassegna storica completa ed organica.

Il progetto è corredato di un opuscolo di circa 16 pagine di informazioni di tradizioni e di interesse storico.

All’interno della mostra sarà allestita un banner 1x10 di tutti i consigli comunali di Pisticci dal 1946 al 2015.consigli comunali di Pisticci dal 2011 ad oggi

Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn